chiudi
Rigetto impianto dentale

Rigetto impianto dentale


Gli impianti dentali sono il modo più duraturo e più sano per sostituire i denti gravemente danneggiati o addirittura già mancanti. Con una cura adeguata un impianto dentale può durare decenni, ed il tasso di fallimento per questa tipologia di operazione si attesta soltanto intorno al 2%. Ciò significa, nello specifico, che le probabilità che si presenti il problema di un rigetto impianto dentale sono davvero molto basse. Nonostante ciò, ci sembra giusto e doveroso spiegarvi nel dettaglio come si può riconoscere un rigetto, insomma quali sono i sintomi in modo che, nel caso in cui si dovesse esserci una complicazione di questo genere, la si possa prevenire per tempo.

Prima di andare a vedere i motivi per cui avviene un rigetto impianto dentale, vogliamo precisare che questa occorrenza, oltre ad essere rara, non è un problema dell’impianto in sé. Infatti, questo è realizzato in titanio chirurgico, un materiale che il corpo per natura non respinge. Il successo o il fallimento degli impianti dipende da molti fattori, tra i quali possiamo contare talvolta la scarsa igiene o la mancanza di formazione ossea necessaria, per far sì che l'impianto si integri. Nonostante il rigetto impianto dentale si verifica in casi eccezionali, rimane comunque una possibilità da conoscere e considerare. È importante quindi sapere come prevenirlo, ed in questo articolo spiegheremo tutto ciò che è necessario sapere sul rigetto impianto dentale e sui suoi sintomi.

Rigetto impianto dentale: una definizione
Una bocca può rifiutare l'impianto dentale? Questa è una delle domande che molti pazienti si pongono quando devono installare degli impianti dentali. Come abbiamo già detto, gli impianti sono realizzati in un materiale biocompatibile molto ben tollerato dal corpo, in modo che questo non percepisca la loro estraneità e li rigetti. Quello che succede normalmente quando si verifica un rigetto impianto dentale è una osteointegrazione errata dell'impianto con l'osso.

Gli impianti dentali richiedono un piccolo intervento chirurgico per essere posizionati correttamente all’interno della bocca. Per garantire la corretta fissazione, il perno deve essere integrato nell'osso che lo circonda: questo step è il cosiddetto processo di osteointegrazione. Nella migliore delle ipotesi, un tessuto osseo si forma attorno all'impianto che ne impedisce il movimento e, in questo modo, il dentista può posizionare una corona che simuli tutte le funzioni di masticazione ed estetica, proprio come il dente naturale.

Se questo tessuto osseo non si forma, cosa che si verifica raramente, e invece viene generato un tessuto fibroso non è in grado di stabilizzare la nuova parte, quindi l'impianto si sposterà e sarà necessario sostituirlo con un nuovo impianto.

Altre ragioni che possono portare al fallimento degli impianti dentali sono le infezioni dovute a scarsa igiene, specialmente dopo l'operazione, e al fumo, poiché il tabacco danneggia la guarigione dei tessuti, aumentando la possibilità di infezione dopo l'operazione.

Ecco per il rigetto impianto dentale sintomi comuni:
Mentre le cause per cui gli impianti dentali possono fallire sono varie, i sintomi sono pochi e quasi sempre gli stessi. Un impianto difettoso non è doloroso, quindi richiede controllo e attenzione. Alcuni dei segni di un rigetto impianto dentale si possono percepire quando si mastica o si comprime il dente con del cibo. Secondariamente, altri sintomi possono essere la mobilità dell’impianto, segno di una cattiva osteointegrazione, e l’infiammazione delle gengive intorno allo stesso, segno che qualche attrito di troppo non permette a quella zona di lavorare correttamente.

Come evitare per l’impianto dentale rigetto e dolore?
Molte volte ci spaventa pensando alla possibilità che un impianto dentale possa fallire. La buona notizia è che prevenire l'insuccesso dell'impianto dentale è una cosa molto semplice. Il metodo migliore per evitare il rigetto impianto dentale è l'igiene orale: l'esecuzione periodica di una corretta spazzolatura e risciacquo della clorexidina infatti aiuta a prevenire la formazione della placca batterica, lasciando la bocca sana e ben curata.

Parlando di impianti dentali rigetto e infezione sono due tra le casistiche più rare, ma comunque temute dalla maggior parte dei pazienti. Ora che i sintomi sono chiari e che i metodi di prevenzione sono alla portata di tutti, installare un impianto dentale correttamente e mandare avanti il processo di osteointegrazione sarà qualcosa di facile e indolore. Per ridurre al minimo i rischi è anche importante seguire i consigli del proprio dentista di fiducia, sempre. A dirla in tutta, in realtà, quest'ultimo punto è fondamentale, perciò ricordate di ascoltare alla perfezione e non sottovalutare mai ciò che vi dice il vostro dentista.
Rigetto impianto dentale