chiudi
Impianti dentali senza viti

Impianti dentali senza viti


Gli impianti dentali senza viti vengono consigliati dai dentisti in determinate situazioni e sono anche noti come impianti senza chirurgia. Si tratta, in sostanza, di un intervento chirurgico minimamente invasivo in cui gli impianti dentali vengono pianificati e realizzati in anticipo nel computer proprio per evitare interventi chirurgici, incisioni o suture. Questa procedura che prevede gli impianti dentali senza vite può però essere applicata solamente a pazienti che hanno determinate caratteristiche anatomiche e che non richiedono rigenerazione ossea, una carenza che è presente nelle persone edentule che hanno sofferto di una malattia parodontale. Gli impianti dentali senza vite non potranno essere applicati a quegli individui che hanno una mancanza ossea che non può garantire una installazione ottimale dell’impianto.

I vantaggi dell'impianto dentale senza vite

Il vantaggio degli impianti dentali senza viti è che il processo di posizionamento dell’impianto è più rapido e semplice e anche la fase post-operatoria risulta essere molto più gestibile rispetto alle altre tecniche. Per quanto leggero comunque, si tratta di un intervento chirurgico vero e proprio. Per inerire un impianto dentale senza vite il dentista utilizza i sistemi diagnostici digitali per prendere il modello del paziente. In seguito verrà determinato il morso e verrà eseguita un’analisi estetico-facciale così da stabilire la posizione più adatta per gli impianti in conformità con le migliori condizioni ossee possibili. Tramite una perfetta conoscenza della situazione del nervo si potrà valutare al meglio la convenienza dell’inserimento di impianti dentali senza viti. Questa tipologia di impianti dentali è realizzata in titanio ed è ormai sempre più diffusa rappresentando la soluzione migliore per tutta una serie di persone che soffrono di certe patologie o che hanno un osso troppo sottile per applicare gli impianti tradizionali. L’implantologia osteointegrata è molto apprezzata anche per l’elevata stabilità e per la sensazione di avere i propri denti sani in bocca. Insomma, l'impianto dentale senza vite al giorno d'oggi è una realtà e consente di superare diversi problemi in modo concreto.

Come funzionano gli impianti dentali sena viti

Ci sono delle situazioni molto specifiche nelle quali, come abbiamo visto, risulta impossibile inserire le tradizionali viti in titanio per via di un tessuto osseo troppo sottile. In questi casi gli impianti dentali senza viti diventano l’unica soluzione possibile. Queste soluzioni, anche note come impianti iuxtaossei, sono realizzate a partire da un’impronta della cresta ossea e poi con la fusione del titanio e la costruzione intorno all’osso. Fino a pochi anni fa le persone che non avevano un osso dentario sufficientemente spesso non potevano accedere agli impianti fissi e dovevano accontentarsi delle dentiere che, seppur pratiche, di sicuro non eccellono per comfort e comodità.

Oggi, gli impianti dentali senza viti, rappresentano una alternativa concreta in quanto possono essere utilizzati anche in quelle situazioni dove l’osso appare inadatto all’inserimento dell’impianto da viti. L’impianto dentale senza vite è molto utilizzato per via della sua elevata funzionalità e praticità e serve soprattutto quando si vogliono sostituire i molari superiori che sono anche spesso i denti che hanno il maggior rischio di perdita. Il dentista per inserire gli impianti dentali senza viti procederà in anestesia locale e rileverà l’impronta dell’osso tramite tac. Sul calco verrà progettato l’impianto che sarà applicabile in pochi minuti verrà ricoperto con una sostanza biologica che induce l’osteogenesi.

Al giorno d’oggi le tecniche a supporto dell’odontoiatria si migliorano sempre di più permettendo di raggiungere il massimo del successo con il minimo del fastidio. Una delle procedure che vengono utilizzate per gli impianti dentali senza viti è l’implantologia computer guidata che permette il posizionamento di un impianto senza necessità di incidere la gengiva o di scoprire l’osso su cui ancorare l’impianto, evitando anche i punti di sutura. Chiaramente per un intervento di questo tipo bisognerà prima fare uno studio preliminare approfondito del singolo caso. In seguito le informazioni raccolte verranno trasferite in un programma 3D mediante il quale l’implantologo definirà con esattezza i punti dove dovranno essere posizionati gli impianti.

Il dentista realizzerà poi una mascherina di posizionamento con appositi fori che indicheranno al dentista dove andrà posizionato l’impianto dentale. Questi fori riproducono all’interno del paziente l’esatta posizione. Un’altra delle possibili alternative agli impianti dentali senza viti sono degli impianti pensati appositamente per i pazienti che hanno una scarsa quantità di osso. Questi impianti sono realizzati in leghe di titanio-zirconio e sono molto resistenti ma più sottili rispetto agli impianti tradizionali. Sarà possibile realizzare questi impianti con successo anche quando il paziente ha una scarsa quantità di osso e senza dover fare interventi invasivi di rigenerazione ossea. In casi di grave atrofia le manovre di rigenerazione ossea saranno invece inevitabili se si vuole inserire un impianto dentale. Anche dopo l’inserimento degli impianti dentali senza vita si potranno però rischiare delle infiammazioni quindi bisognerà avere la massima cura nell’igiene orale quotidiana. Sarà ovviamente molto meglio non fumare e seguire tutti i consigli del dentista così da favorire una rapida ripresa del cavo orale. Insomma, l'impianto dentale senza vite è oggi una soluzione comoda e indolore che viene scelta da un numero crescente di pazienti.
Impianti dentali senza viti