chiudi
Devitalizzazione dente

Devitalizzazione dente


Devitalizzazione dente: come funziona?

Sicuramente hai già sentito l'espressione "uccidere un nervo" di un dente, il cui termine tecnico è "devitalizzazione", ma sai davvero come si devitalizza un dente? È fondamentalmente un intervento endodontico eseguito su un dente in cui il nervo è interessato per qualche motivo.

Normalmente, il nervo di un dente è solitamente interessato da una cavità che ha toccato quella parte e quindi produce un po 'di dolore. In questo articolo ti spiegheremo quindi che cos'è la devitalizzazione di un dente e come farla.

Devitalizzazione dente: di cosa si tratta?

Come abbiamo detto prima, è un trattamento endodontico, cioè che viene applicato a un dente quando il nervo, cioè una delle parti interne, è infiammato.

In questa procedura, la polpa dentale interessata (nervo) viene rimossa per cercare di ricostruire il dente e non perderlo.

Come si svolge la devitalizzazione di un dente

La devitalizzazione dente avviene con la seguente procedura:

- Dopo i test diagnostici eseguiti dal dentista, viene eseguita una prima sessione in cui, dopo l'applicazione dell'anestesia locale, viene rimossa la causa dell'infezione e il nervo viene devitalizzato.
- In secondo luogo, è necessario disinfettare ed eliminare i batteri dall'area in cui si esegue l'intervento e si effettua l'estrazione della polpa dentale interessata. Verrà quindi applicato un materiale di riempimento per riempire lo spazio all'interno della radice.
- Una volta terminato il trattamento di devitalizzazione del dente, la corona dello stesso deve essere ricostruita con un riempimento convenzionale, anche se in alcuni casi il dentista può raccomandare il posizionamento di una corona / copertura su quel dente.

Devitalizzazione dente: quando è consigliata?

Normalmente, ogni volta che si nota dolore al dente, anche se è completamente intenso, probabilmente è necessaria una devitalizzazione del dente stesso. A volte, uccidere un nervo infetto può infatti salvarci dall'estrazione del dente interessato dal problema. Altre situazioni in cui si consiglia di farlo sono:

- se si rompe un dente o un molare per qualcosa, di solito si procede con la realizzazione di un canale radicolare o la rimozione del nervo dentale.
- Nel posizionamento delle corone dentali, a volte è essenziale uccidere il nervo dell'area interessata.
- Ogni volta che la carie è penetrata nel nervo, è consigliabile rimuovere il nervo dentale interessato. Altrimenti, l'infezione o l'infiammazione genererà dolore intenso.
- L'esecuzione di una devitalizzazione dente eviterà sempre gravi mali, ma l'opzione migliore per avere una bocca sana è prendersi cura di essa giorno per giorno e visitare periodicamente il dentista, in modo da poter valutare le sue condizioni e agire in anticipo se necessario. Le varie cliniche esistenti sono sempre pronte a ricevere chiunque, ogni volta che ne avrà bisogno.

La necessità di realizzare una devitalizzazione dente non è un caso isolato. Ci sono infatti molte persone che richiedono tale trattamento, per salvare i denti ed è una procedura che tratta l'interno del dente e consente al paziente di mantenere la dentatura naturale, l'osso e la gengiva che lo circonda. Permette inoltre di mantenere la funzionalità, aiutando il paziente a mantenere il suo sorriso, a mangiare comodamente e, con la dovuta cura, a far sì il dente duri come il resto dei suoi denti.

Quale parte è interessata quando è necessaria una devitalizzazione dente?

Il dente è sostanzialmente costituito da tre strati: lo smalto (rivestimento o parte visibile), la dentina (sotto lo strato esterno o "corpo" del dente) e la polpa (tessuto molle in cui si trova il nervo).

Lo smalto è responsabile della protezione della struttura dentale e ci consente di frantumare il cibo. Non ha vascolarizzazione, cioè non ha né afflusso di sangue né terminazioni nervose, quindi la maggior parte delle patologie correlate allo smalto non causano dolore o sensibilità.

Sotto lo smalto si trova la dentina, che è la struttura di base del dente e dove si trovano le terminazioni nervose e l'afflusso di sangue . È costituito da microtubuli (tubuli dentali) che collegano la parte esterna del dente a dette terminazioni nervose. Nei tubuli c'è uno scambio di liquidi che, se si verifica bruscamente, genera la sensibilità dei denti. Pertanto, provoca dolore, si perde l'altezza della gengiva, si espone la dentina o si fratturano i denti.

Tuttavia, è sotto questo strato che si trova il "cuore del dente" o polpa , la parte che è interessata quando deve essere eseguita una devitalizzazione del dente. All'interno è il nervo principale che fornisce il dente e gli dà sensibilità e percezione, nonché vitalità. Proprio questa parte è quella che viene rimossa con il trattamento endodontico quando il nervo è interessato, devitalizzando così il dente, garantendo che sia tenuto in bocca in modo sano.

Quando è raccomandata la devitalizzazione del dente

Se la polpa del dente è irreversibilmente colpita da traumi al dente, lesioni o carie profonde, il dente può diventare molto sensibile al calore, al freddo o alla masticazione. Il dolore che il paziente subisce può essere costante o intermittente e persino il dente può cambiare colore o apparire un flemmone o fistola, a causa dell'infezione. In tali casi, si consiglia per poterlo salvare si consiglia una devitalizzazione del dente.

Tuttavia, il trattamento endodontico in oggetto può anche essere raccomandato in altri casi, come per denti che necessitano di grandi dimensioni per poter posizionare successivamente corone o ponti.
Devitalizzazione dente